Pasolini’s Legacy: A Sprawl of Brutality (da nytimes.com)

By DENNIS LIM

“It is only at our moment of death that our life, to that point undecipherable, ambiguous, suspended, acquires a meaning.” So said the filmmaker Pier Paolo Pasolini in a 1967 interview. The idea that death defines a person has seldom been more vividly illustrated than in the case of Pasolini, whose extraordinary life and work are invariably seen through the prism of his gruesome end.

Courtesy of the Museum of Modern Art

The Italian filmmaker Pier Paolo Pasolini delighted in presenting  images that would shake audiences, especially bourgeois audiences, out of their complacency. “La Terra Vista Dalla Luna” (“The Earth as Seen From the Moon,” 1966).

Courtesy of the Museum of Modern Art

“Porcile” (“Pigsty,” 1969).

Courtesy of the Museum of Modern Art

“Teorema” (“Theorem,” 1968).

Courtesy of the Museum of Modern Art

Edipo Re” (“Oedipus Rex,” 1967). Pasolini’s films are being presented  in a retrospective at the Museum of Modern Art through Jan. 5.

His mutilated body was found in a vacant lot in Ostia, a suburb of Rome, in 1975. The assumed killer (who later recanted his confession) was a 17-year-old hustler he had picked up.

His colleague Michelangelo Antonioni remarked that Pasolini had become “the victim of his own characters.” Completed weeks before he died, at 53, Pasolini’s last movie, “Salò, or the 120 Days of Sodom,” an unrelentingly brutal adaptation of the Marquis de Sade’s catalog of degradation and torture, came to be viewed, all too neatly, as a death wish.

In other crucial ways, though, the meaning of Pasolini remains undecipherable, ambiguous, suspended. A lapsed Catholic who never lost his religious worldview and a lifelong Marxist who was expelled from the Communist Party for being gay, Pasolini was an artist and thinker who tried not to resolve his contradictions but rather to embody them fully. With his gift for polemics and taste for scandal, he was routinely hauled up on blasphemy and obscenity charges and attacked by those on the left and the right.

The films that brought him international renown are the subject of a retrospective at the Museum of the Modern Art that runs through Jan. 5, but they are only part of the picture. To himself and to many Italians he was above all a poet. He also wrote novels and plays, painted, composed music and published reams of political commentary and literary theory.

The museum series, the most complete Pasolini retrospective in New York in more than two decades, has been supplemented with a poetry and music recital, discussions and other events, both at the Modern and at MoMA PS1, which has a cinematic installation running through Jan. 7. An exhibition of portraits by Pasolini is on view at Location One in SoHo through Jan 5.

Evoking the feverish sprawl of Pasolini’s output, these events make the implicit case that it is difficult to consider any of his works in isolation.

“It’s very hard to put one label on him,” said Jytte Jensen, the curator who organized the retrospective. “He had many essential roles in Italian society, and he was always searching, completely open to different ways of looking at things and not afraid to say he was mistaken.”

Pasolini’s early features “Accattone” (1961) and “Mamma Roma” (1962), shot in the shantytowns around Rome and starring mainly nonprofessionals, followed the Italian neo-realists in deeming the lives of the downtrodden worthy of art. But the pictures went beyond gritty naturalism to incorporate aspects of the sacred and the erotic. (Pasolini’s empathy for his male subjects often encompassed an attraction to them.)

Coming to film from literature, Pasolini viewed cinema as an expressive and flexible form, a language that, as he put it, “writes reality with reality.” Just as he wrote poetry and fiction in a variety of dialects, his movies cycled through a range of styles and tones. The reactions to them were often divided, rarely predictable.

“The Gospel According to Matthew” (1964), a reverential portrait of a revolutionary Jesus, is a film both Christians and Marxists could love. The underappreciated “Porcile”(“Pigsty,” 1969), an allegory on the dead ends of ideology and a black comedy about cannibalism and bestiality, was out of step with the era’s fervent radicalism. It pleased almost no one, least of all the student activists Pasolini had denounced as elitists. (He sided with the working-class police.)

Alongside his features, many of which were staples of art cinema’s golden age, the retrospective gives equal prominence to his shorts and documentaries, which often offer direct glimpses of his mind-set. In “Love Meetings” (1964) Pasolini, like an Italian Alfred Kinsey, travels through the country recording conversations with people of all ages and backgrounds about their sexual behavior and attitudes. “Notes for an African Oresteia” (1970) describes his plan to direct a movie of the Aeschylus myth in post-colonial Africa and captures his ideas (a wounded lioness to represent the Furies) as well as the skepticism of some young African men that presumably led to his decision not to make it.

Changing course often meant repudiating his own work. Pasolini first classified his bawdy medieval adaptations — “The Decameron” (1971), “The Canterbury Tales” (1972) and “Arabian Nights” (1974), collectively called the “Trilogy of Life” and just released in a boxed set by Criterion — as apolitical works, then proclaimed them radical celebrations of carnal pleasure. But when their popularity spawned numerous soft-core imitations, he revised his opinion again and published an “abjuration” of the trilogy.

The clearest thread running through Pasolini’s movies is his mounting disgust with the modern world. He saw Italy’s postwar boom as an irreversible blight, turning the masses into mindless consumers and erasing local cultures. (For Pasolini difference was always to be protected and flaunted.)

His contempt for the Italian bourgeoisie — labeled “the most ignorant in all of Europe” in his 1963 short “La Ricotta” — manifested itself both as critique (in “Teorema” and “Porcile”) and as a retreat into antiquity and myth, with the past sometimes serving as a window onto the present. (Before the “Trilogy of Life” he went through a Greek-tragedy phrase, adapting “Oedipus Rex” and “Medea.”)

Pasolini’s despair reaches its terminal point (in every sense) in “Salò,” which transposes Sade to Mussolini’s Italy, equates consumerism with fascism and strives to be what he called an “undigestible” film, one that utterly resists commodification. (It’s not hard to imagine how Pasolini would have reacted to the comic incongruity of his MoMA series listing Gucci as a supporter. )

While he has no equivalent in the contemporary landscape, Pasolini paved the way for many filmmakers, including Rainer Werner Fassbinder, Derek Jarman, Gus Van Sant and Abel Ferrara (who has been planning a Pasolini biopic for years). The potency of his ideas and the mystery of his murder (which some believe was politically motivated) have captured the imagination of countless writers and artists. There is a cottage industry of investigative books on his death, which has also been the subject of works ranging from Marco Tullio Giordana’s docudrama “Who Killed Pasolini?” to Elisabetta Benassi’s installation “Alfa Romeo GT Veloce 1975-2007,” which evokes the crime scene with a model of Pasolini’s car (and blinding headlights that echo a moment from “Accattone”).

 As a postscript to the MoMA show UnionDocs in Williamsburg, Brooklyn, is showing on Jan. 13 two essay films on Pasolini’s death and legacy: the artist-architect Alfredo Jaar’s “Ashes of Pasolini” and the experimental filmmaker Cathy Lee Crane’s “Pasolini’s Last Words.”

 At the Modern over the next two weeks every screening will begin with a clip of Pasolini discussing the film at hand. Ms. Jensen said these personal introductions were in keeping with the immediacy of his work. “When you’re sitting in a theater watching a Pasolini film,” she said, “you feel he’s speaking directly to you.”

The Pasolini film retrospective runs through Jan. 5 at the Museum of Modern Art; moma.org. A Pasolini cinematic installation runs through Jan. 7 at MoMA PS1, 22-25 Jackson Avenue, Long Island City, Queens; momaps1.org. A show of portraits by Pasolini is on view through Jan. 5 at Location One, 26 Greene Street, near Grand Street, SoHo; location1.org.

This article has been revised to reflect the following correction:

Correction: December 28, 2012

 

An article on Thursday about a retrospective of films by Pier Paolo Pasolini at the Museum of Modern Art referred imprecisely to his movie “Mamma Roma.” While, like other early films of Pasolini, it did in fact use nonprofessionals as stars, the actress Anna Magnani also starred in it.

This article has been revised to reflect the following correction:

Correction: December 29, 2012

 

An article on Thursday about a retrospective of films by Pier Paolo Pasolini at the Museum of Modern Art misspelled the title of one of them. It is “Accattone,” not “Accatone.”

Pier Paolo Pasolini – Il linguaggio del calcio (da giano.luiss.it)

«Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro».

«[...] Il football è un sistema di segni, cioè un linguaggio. Esso ha tutte le caratteristiche fondamentali del linguaggio per eccellenza, quello che noi ci poniamo subito come termine di confronto, ossia il linguaggio scritto-parlato.

pasolini e il calcio

Infatti le “parole” del linguaggio del calcio si formano esattamente come le parole del linguaggio scritto-parlato. Ora, come si formano queste ultime? Esse si formano attraverso la cosiddetta “doppia articolazione” ossia attraverso le infinite combinazioni dei “fonemi”: che sono, in italiano, le 21 lettere dell’alfabeto.

pasolini e il calcio n2

I “fonemi” sono dunque le “unità minime” della lingua scritto-parlata. Vogliamo divertirci a definire l’unità minima della lingua del calcio? Ecco: “Un uomo che usa i piedi per calciare un pallone è tale unità minima: tale “podema” (se vogliamo continuare a divertirci). Le infinite possibilità di combinazione dei “podemi” formano le “parole calcistiche”: e l’insieme delle “parole calcistiche” forma un discorso, regolato da vere e proprie norme sintattiche…

I “podemi” sono ventidue (circa, dunque, come i fonemi): le “parole calcistiche” sono potenzialmente infinite, perché infinite sono le possibilità di combinazione dei “podemi” (ossia, in pratica, dei passaggi del pallone tra giocatore e giocatore); la sintassi si esprime nella “partita”, che è un vero e proprio discorso drammatico. I cifratori di questo linguaggio sono i giocatori, noi, sugli spalti, siamo i decifratori: in comune dunque possediamo un codice. Chi non conosce il codice del calcio non capisce il “significato” delle sue parole (i passaggi) né il senso del suo discorso (un insieme di passaggi).»

(Scritti corsari. Pier Paolo Pasolini)

Pier Paolo Pasolini anniversario: moriva il 2 novembre 1975 (da L’Huffington Post)

Ucciso da Giuseppe Pelosi, uno dei ragazzi di vita con i quali amava intrattenersi, muore ad Ostia, 37 anni fa, Pier Paolo Pasolini. Poeta, intellettuale scomodo e controcorrente (celebre rimase la sua poesia al poliziotto durante il Sessantotto), Pasolini si dedicò al cinema, firmando alcuni capolavori, come ‘Il Vangelo secondo Matteo’. Era il 2 novembre 1975.

Scriveva su Scritti Corsari

“Forse qualche lettore troverà che dico delle cose banali. Ma chi è scandalizzato è sempre banale. E io, purtroppo, sono scandalizzato. Resta da vedere se, come tutti coloro che si scandalizzano (la banalità del loro linguaggio lo dimostra), ho torto, oppure se ci sono delle ragioni speciali che giustificano il mio scandalo.”

Tra quanti, oggi, lo ricordano, c’è anche Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma: “A 37 anni dalla sua scomparsa abbiamo voluto dedicare una mostra a uno dei più grandi intellettuali dei nostri tempi, Pier Paolo Pasolini. Sarà aperta fino al 9 dicembre a palazzo Incontro. E’ una mostra che vi consiglio di visitare, perché possiamo imparare ancora tanto da Pasolini, il poeta della libertà e dell’integrità. Virtù di cui oggi avremmo un immenso bisogno”. Tutte le info sulla mostra a lui dedicata si trovano qui.

Questa mattina, alle 10.30, all’Idroscalo, presso il giardino letterario “Pier Paolo Pasolini, si è tenuta una cerimonia in suo onore (VEDI SOTTO LE FOTO). Organizzata dai I Parchi Letterari® Pier Paolo Pasolini / Centro habitat mediterraneo Lipu di Ostia e dall’artista Mario Rosati, ha visto un momento di ricordo del poeta, cui hanno preso parte, tra gli altri Mario Rosati, pittore e scultore e Silvio Parrello – poeta e pittore.

Subito dopo, è stato liberato un rapace curato presso il Centro Recupero Fauna Selvatica Lipu di Roma. Il Giardino letterario, progettato dall’artista Mario Rosati, è inserito all’interno del Centro in via dell’Idroscalo, i cui volontari, a titolo gratuito, ne garantiscono la pulizia e fruibilità durante tutto l’anno.

 

 

 

 

Fabio Fazio e Roberto Saviano – Quello che (non) ho (3ª e ultima puntata, 16 05 2012)

Ma cosa succederà stasera? Quali saranno gli ospiti e cosa dovremo aspettarci da Quello che (non) ho? Ci saranno Marco PaoliniErmanno OlmiClaudio MagrisEnzo Bianchi, il dissidente cinese Harry Wu e Massimo GramelliniElisa invece  interpreterà  brani come HallelujaKnockin’ on Heaven’s Door e Redemption Song. La rivisitazione della sigla sarà invece affidata a Claudio Santamaria e Massimo Bubola.

Gli interventi di Roberto Saviano invece saranno dedicati all’eternit e al ‘laogai’ (i luoghi dove vengono reclusi i condannati ai lavori forzati nella Repubblica Popolare Cinese), oltre a questi Saviano leggerà anche un testo di Antonino Caponnetto su Giovanni Falcone.

Pier Paolo Pasolini & Giovannino Guareschi – La Rabbia (1963)

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Titolo originale La rabbia
Paese Italia
Anno 1963
Durata 53 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere documentario
Regia Pier Paolo PasoliniGiovannino Guareschi
Soggetto Pier Paolo PasoliniGiovannino Guareschi
Sceneggiatura Pier Paolo PasoliniGiovannino Guareschi
Montaggio Nino BaragliGiacinto Solito, Pier Paolo Pasolini
Interpreti e personaggi

Storia

L’opera nacque da un’idea del produttore Gastone Ferranti, che volle avvalersi di due importanti personalità: per l’appunto Giovannino Guareschi e Pier Paolo Pasolini, non a torto ritenuti i due maggiori intellettuali del tempo, benché lontanissimi in termini di tendenze politiche e ideologiche (eppure considerati “eretici” dai propri schieramenti). L’intenzione del produttore era di realizzare una specie di “cine-match” dove Guareschi e Pasolini facessero da canto e controcanto di fronte alla domanda precisa di quale fosse l’origine della scontentezza, della paura e dei conflitti che agitavano la società di allora. Attraverso il montaggio di materiale di repertorio del cinegiornale Mondo libero, materiali reperiti in altri archivi riguardanti la storia di diversi Paesi, nonché fotografie da libri d’arte e da rotocalchi, fu prodotto un film che analizza, in modo fortemente critico e polemico, i fenomeni e i conflitti sociali e politici del mondo contemporaneo. Guareschi criticò lo svilimento del’arte a fini commerciali, la cementificazione del paesaggio e più in generale la modernità “senz’anima” che elimina ogni prospettiva diversa dal materialismo e in ultima istanza porta alla sfiducia verso il futuro. Tuttavia, conclude Guareschi, «È su questo pianeta che il Figlio di Dio ha voluto nascere, soffrire e morire come uomo». Per questo «bisogna cercare qui, e non sulla Luna, la soluzione ai nostri problemi. Perché nonostante MaoKhruschev e gli altri guai vale ancora la pena di vivere su questo pianeta [...] e in noi è più forte la speranza che la paura». Nella sua parte di documentario, Pasolini parla della rivoluzione ungherese e di quella cubana, elogia il progressismo, la decolonizzazione e la lotta di classe, prende ad esempio la morte di Marilyn Monroe per parlare di morte della bellezza, lamenta la scomparsa del mondo contadino e rivolge aspre critiche all’industrializzazione, al conservatorismo, all’anticomunismo e alla borghesia. Una parte di questa fu tagliata per includere in un secondo tempo il contributo di Guareschi nel prodotto finale.
Pur partendo da posizioni diametralmente opposte, i discorsi di Pasolini e Guareschi presentano dei punti di convergenza, specie in merito allo straniamento e alla disumanizzazione del mondo moderno, e anzi si potrebbe dire che entrambi si sono rivelati profetici, anche se in negativo.
Il film uscì nel 1963, ma trascorsero solo poche settimane prima che venisse ritirato dalle sale. Il motivo di questa scomparsa non è del tutto chiaro: si è ipotizzato il timore che la vittoria di Guareschi, visto come “reazionario”, avrebbe causato uno scandalo tale da condurre Ferranti alla rovina. La parte di Pasolini ebbe negli anni a venire una limitata circolazione, mentre di quella di Guareschi si persero le tracce.
Si dovette attendere la 65ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia (2008) per vedere riemergere la pellicola di Pasolini restaurata e in versione integrale. Giuseppe Bertolucci, che aveva diretto il restauro, giustificò l’esclusione della parte di Guareschi definendo “insostenibili” le sue prese di posizione sulla decolonizzazione e sulla Guerra d’Algeria. Incidentalmente in quel periodo Bertolucci era anche presidente del comitato per il centenario della nascita dello scrittore emiliano, e in seguito a ciò dovette dimettersi per l’ovvia inconciliabilità delle sue dichiarazioni con tale carica.[1]
Superata la polemica, La Rabbia fu riproposto l’anno seguente al “Fiuggi Family Festival” sia con la versione di Pasolini che con quella di Guareschi.[2]

Documenti: Il ’68 – La Battaglia di Valle Giulia

 

1)Valle Giulia: Racconto Di Oreste Scalzone

2)Gli Studenti E La Polizia

3)Poesia Di Pier Paolo Pasolini Contro Gli Studenti Detta Da Laura Betti

4)Le Assemblee Dopo Valle Giulia

5)Compagni O Colleghi?

Si registrarono 148 feriti tra le forze dell’ordine e 478 tra gli studenti

La Battaglia di Valle Giulia (1º marzo 1968) fu un noto scontro di piazza tra manifestanti universitari e polizia, in cui i primi tentarono di riconquistare la Facoltà di Architettura della Sapienza Università di Roma attaccando la polizia, che la presidiava dopo averla sgomberata da un’occupazione studentesca.

Valle Giulia è il nome della zona di Roma, alle pendici dei Parioli, alle spalle di Villa Borghese ed alle porte del quartiere Flaminio, in cui sono ubicate diverse istituzioni culturali internazionali ed in cui, a fianco alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, è tuttora situata la sede della facoltà di Architettura della prima Università di Roma.

Cronaca del fatto
Alcuni membri del reparto “Celere” della Polizia di Stato e un funzionario di Polizia responsabile dell’ordine pubblico, con fascia tricolore, presidiano la zona immediatamente antistante la Facoltà di Architettura di Roma.
Alcuni mezzi del reparto “Celere” della Polizia di Stato in fiamme durante gli scontri.

Dopo che, nel mese di febbraio 1968, la facoltà era stata sede di numerose iniziative politiche, molte delle quali coordinate da docenti dello stesso ateneo, ed essendosi giunti all’occupazione della facoltà da parte degli studenti, il 29 febbraio (l’anno era bisestile) la stessa era stata sgomberata dalla polizia, chiamata dal rettore Pietro Agostino D’Avack, e restava presidiata.

Il 1º marzo 1968, un venerdì pieno di sole, circa 4000 persone si radunarono in Piazza di Spagna. Da lì il corteo si divise in due: una parte mosse verso la città universitaria, mentre la maggioranza degli studenti si diresse verso Valle Giulia con l’intento di liberare la facoltà dalla polizia. Giunti sul posto, gli studenti fronteggiarono un imponente cordone di forze dell’ordine. Un piccolo gruppo di poliziotti, staccatosi dalla fila, prese uno studente e iniziò a picchiarlo; la reazione degli studenti fu immediata e iniziò un lancio di sassi ed altri oggetti contundenti.

Solo gli ufficiali di presidio disponevano di armi cariche (la versione istituzionale affermò che ciò fu ordinato gerarchicamente per evitare il degenerare della situazione che si prevedeva incandescente, mentre “radio caserma” affermò – ripresa da fonti giornalistiche della destra estrema – che questa era una condizione ordinaria delle forze di polizia, dovuta alla carenza di fondi per l’acquisto delle munizioni). Gli scontri presto degenerarono in tutta l’area universitaria e, sorprendentemente, gli studenti mostrarono di essere in grado di reggere l’urto con le cariche della polizia, a differenza di quanto era accaduto in altri scontri accaduti nei mesi precedenti.

Si registrarono 148 feriti tra le forze dell’ordine e 478 tra gli studenti. Ci furono 4 arrestati e 228 fermati. Otto automezzi della polizia furono incendiati. Cinque pistole furono sottratte agli agenti.

Tra i partecipanti agli scontri di Valle Giulia ritroviamo molte figure che avranno in seguito percorsi tra i più svariati: il regista Paolo Pietrangeli (che all’episodio dedicò la famosa canzone “Valle Giulia” divenuta un simbolo del movimento sessantottino), Giuliano Ferrara (che rimase ferito), Paolo Liguori, Aldo Brandirali, Ernesto Galli della Loggia, Oreste Scalzone e l’attore Michele Placido, allora poliziotto.

A guidare l’attacco alla polizia furono anche alcuni esponenti dell’estrema destra giovanile, come ad esempio Stefano Delle Chiaie di Avanguardia Nazionale. La componente neofascista della contestazione (abituata agli scontri di piazza) fu espulsa dal movimento studentesco non in seguito ai fatti di Valle Giulia, ma successivamente all’assalto della facoltà di Lettere dell’Università La Sapienza (16 marzo) da parte di un gruppo di militanti del Movimento Sociale Italiano.

Membri del reparto “Celere” della Polizia di Stato preparano artifizi lacrimogeni da lanciare contro gli studenti asserragliati nell’edificio della Facoltà di Architettura.

Carica dei reparti della polizia a cavallo

La battaglia di Valle Giulia, Roma (01 03 1968)

A Valle Giulia gli studenti, per la prima volta, reagiscono alla violenza con la violenza. prendendo a sassate i poliziotti e incendiandone gli automezzi. C’è chi ha visto in questo episodio la nascita della componente violenta del Movimento che avrebbe portato, molti anni dopo, al terrorismo. In realtà si trattò di una reazione spontanea estremamente disorganizzata che ebbe successo solo perchè la Polizia non si aspettava alcuna resistenza. Pier Paolo Pasolini, in quell’occasione, scrisse una poesia, “Il PCI ai giovani” in cui dichiarava di simpatizzare con gli agenti perchè “figli di poveri”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutte le foto sono di Adriano Mordenti, tratte dal libro “Come eravamo” ediz. Savelli

http://www.informagiovani.it/30anni68

Pier Paolo Pasolini – Il P.C.I. ai giovani (16 06 1968)

Mi dispiace. La polemica contro
il Pci andava fatta nella prima metà
del decennio passato. Siete in ritardo, cari.
Non ha nessuna importanza se allora non eravate ancora nati:
peggio per voi.

Adesso i giornalisti di tutto il mondo (compresi quelli delle televisioni)
vi leccano (come ancora si dice nel linguaggio
goliardico) il culo. Io no, cari.

Avete facce di figli di papà.
Vi odio come odio i vostri papà.
Buona razza non mente.
Avete lo stesso occhio cattivo.
Siete pavidi, incerti, disperati
(benissimo!) ma sapete anche come essere
prepotenti, ricattatori, sicuri e sfacciati:
prerogative piccolo-borghesi, cari.

Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte
coi poliziotti,
io simpatizzavo coi poliziotti.
Perché i poliziotti sono figli di poveri.
Vengono da subtopie, contadine o urbane che siano.
Quanto a me, conosco assai bene
il loro modo di esser stati bambini e ragazzi,
le preziose mille lire, il padre rimasto ragazzo anche lui,
a causa della miseria, che non dà autorità.

La madre incallita come un facchino, o tenera
per qualche malattia, come un uccellino;
i tanti fratelli; la casupola
tra gli orti con la salvia rossa (in terreni
altrui, lottizzati); i bassi
sulle cloache; o gli appartamenti nei grandi
caseggiati popolari, ecc. ecc.

E poi, guardateli come li vestono: come pagliacci,
con quella stoffa ruvida, che puzza di rancio
furerie e popolo. Peggio di tutto, naturalmente,
è lo stato psicologico cui sono ridotti
(per una quarantina di mille lire al mese):
senza più sorriso,
senza più amicizia col mondo,
separati,
esclusi (in un tipo d’esclusione che non ha uguali);
umiliati dalla perdita della qualità di uomini
per quella di poliziotti (l’essere odiati fa odiare).

Hanno vent’anni, la vostra età, cari e care.
Siamo ovviamente d’accordo contro l’istituzione della polizia.
Ma prendetevela contro la Magistratura, e vedrete!
I ragazzi poliziotti
che voi per sacro teppismo (di eletta tradizione
risorgimentale)
di figli di papà, avete bastonato,
appartengono all’altra classe sociale.

A Valle Giulia, ieri, si è così avuto un frammento
di lotta di classe: e voi, cari (benché dalla parte
della ragione) eravate i ricchi,
mentre i poliziotti (che erano dalla parte
del torto) erano i poveri. Bella vittoria, dunque,
la vostra! In questi casi,
ai poliziotti si danno i fiori, cari.

Stampa e Corriere della Sera, News- week e Monde
vi leccano il culo. Siete i loro figli,
la loro speranza, il loro futuro: se vi rimproverano
non si preparano certo a una lotta di classe
contro di voi! Se mai,
si tratta di una lotta intestina.

Per chi, intellettuale o operaio,
è fuori da questa vostra lotta, è molto divertente la idea
che un giovane borghese riempia di botte un vecchio
borghese, e che un vecchio borghese mandi in galera
un giovane borghese. Blandamente
i tempi di Hitler ritornano: la borghesia
ama punirsi con le sue proprie mani.
Chiedo perdono a quei mille o duemila giovani miei fratelli
che operano a Trento o a Torino,
a Pavia o a Pisa, a Firenze e un po’ anche a Roma,
ma devo dire: il movimento studentesco (?)
non frequenta i vangeli la cui lettura
i suoi adulatori di mezza età gli attribuiscono
per sentirsi giovani e crearsi verginità ricattatrici;
una sola cosa gli studenti realmente conoscono:
il moralismo del padre magistrato o professionista,
il teppismo conformista del fratello maggiore
(naturalmente avviato per la strada del padre),
l’odio per la cultura che ha la loro madre, di origini
contadine anche se già lontane.

Questo, cari figli, sapete.
E lo applicate attraverso due inderogabili sentimenti:
la coscienza dei vostri diritti (si sa, la democrazia
prende in considerazione solo voi) e l’aspirazione
al potere.

Sì, i vostri orribili slogan vertono sempre
sulla presa di potere.
Leggo nelle vostre barbe ambizioni impotenti,
nei vostri pallori snobismi disperati,
nei vostri occhi sfuggenti dissociazioni sessuali,
nella troppa salute prepotenza, nella poca salute disprezzo
(solo per quei pochi di voi che vengono dalla borghesia
infima, o da qualche famiglia operaia
questi difetti hanno qualche nobiltà:
conosci te stesso e la scuola di Barbiana!)
Riformisti!
Reificatori!
Occupate le università
ma dite che la stessa idea venga
a dei giovani operai.

E allora: Corriere della Sera e Stampa, Newsweek e Monde
avranno tanta sollecitudine
nel cercar di comprendere i loro problemi?
La polizia si limiterà a prendere un po’ di botte
dentro una fabbrica occupata?
Ma, soprattutto, come potrebbe concedersi
un giovane operaio di occupare una fabbrica
senza morire di fame dopo tre giorni?
e andate a occupare le università, cari figli,
ma date metà dei vostri emolumenti paterni sia pur scarsi
a dei giovani operai perché possano occupare,
insieme a voi, le loro fabbriche. Mi dispiace.

È un suggerimento banale;
e ricattatorio. Ma soprattutto inutile:
perché voi siete borghesi
e quindi anticomunisti. Gli operai, loro,
sono rimasti al 1950 e più indietro.
Un’idea archeologica come quella della Resistenza
(che andava contestata venti anni fa,
e peggio per voi se non eravate ancora nati)
alligna ancora nei petti popolari, in periferia.
Sarà che gli operai non parlano né il francese né l’inglese,
e solo qualcuno, poveretto, la sera, in cellula,
si è dato da fare per imparare un po’ di russo.
Smettetela di pensare ai vostri diritti,
smettetela di chiedere il potere.

Un borghese redento deve rinunciare a tutti i suoi diritti,
a bandire dalla sua anima, una volta per sempre,
l’idea del potere.
Se il Gran Lama sa di essere il Gran Lama
vuol dire che non è il Gran Lama (Artaud):
quindi, i Maestri
- che sapranno sempre di essere Maestri -
non saranno mai Maestri: né Gui né voi
riuscirete mai a fare dei Maestri.

I Maestri si fanno occupando le Fabbriche
non le università: i vostri adulatori (anche Comunisti)
non vi dicono la banale verità: che siete una nuova
specie idealista di qualunquisti: come i vostri padri,
come i vostri padri, ancora, cari! Ecco,
gli Americani, vostri odorabili coetanei,
coi loro sciocchi fiori, si stanno inventando,
loro, un nuovo linguaggio rivoluzionario!
Se lo inventano giorno per giorno!
Ma voi non potete farlo perché in Europa ce n’è già uno:
potreste ignorarlo?
Sì, voi volete ignorarlo (con grande soddisfazione
del Times e del Tempo).
Lo ignorate andando, con moralismo provinciale,
“più a sinistra”.

Strano,
abbandonando il linguaggio rivoluzionario
del povero, vecchio, togliattiano, ufficiale
Partito Comunista,
ne avete adottato una variante ereticale
ma sulla base del più basso idioma referenziale
dei sociologi senza ideologia.

Così parlando,
chiedete tutto a parole,
mentre, coi fatti, chiedete solo ciò
a cui avete diritto (da bravi figli borghesi):
una serie di improrogabili riforme
l’applicazione di nuovi metodi pedagogici
e il rinnovamento di un organismo statale. I Bravi! Santi sentimenti!
Che la buona stella della borghesia vi assista!
Inebriati dalla vittoria contro i giovanotti
della polizia costretti dalla povertà a essere servi,
e ubriacati dell’interesse dell’opinione pubblica
borghese (con cui voi vi comportate come donne
non innamorate, che ignorano e maltrattano
lo spasimante ricco)
mettete da parte l’unico strumento davvero pericoloso
per combattere contro i vostri padri:
ossia il comunismo.

Spero che l’abbiate capito
che fare del puritanesimo
è un modo per impedirsi
la noia di un’azione rivoluzionaria vera.
Ma andate, piuttosto, pazzi, ad assalire Federazioni!
Andate a invadere Cellule!
andate ad occupare gli usci
del Comitato Centrale: Andate, andate
ad accamparvi in Via delle Botteghe Oscure!
Se volete il potere, impadronitevi, almeno, del potere
di un Partito che è tuttavia all’opposizione
(anche se malconcio, per la presenza di signori
in modesto doppiopetto, bocciofili, amanti della litote,
borghesi coetanei dei vostri schifosi papà)
ed ha come obiettivo teorico la distruzione del Potere.
Che esso si decide a distruggere, intanto,
ciò che un borghese ha in sé,
dubito molto, anche col vostro apporto,
se, come dicevo, buona razza non mente…

Ad ogni modo: il Pci ai giovani, ostia!
Ma, ahi, cosa vi sto suggerendo? Cosa vi sto
consigliando? A cosa vi sto sospingendo?
Mi pento, mi pento!
Ho perso la strada che porta al minor male,
che Dio mi maledica. Non ascoltatemi.
Ahi, ahi, ahi,
ricattato ricattatore,
davo fiato alle trombe del buon senso.
Ma, mi son fermato in tempo,
salvando insieme,
il dualismo fanatico e l’ambiguità…
Ma son giunto sull’orlo della vergogna.

Oh Dio! che debba prendere in considerazione
l’eventualità di fare al vostro fianco la Guerra Civile
accantonando la mia vecchia idea di Rivoluzione?.

(Poesia pubblicata il 16/06/1968)

http://pazuzu-uzu.blogspot.com/